Calabria style, le nozze rustiche si vestono di seducente tradizione - Gianni Cortese Floral Designer

Calabria style, le nozze rustiche si vestono di seducente tradizione

Lunedì, 21 Settembre 2020 - Sei nella categoria: Notizie

Una coppia di sposi dalla lontana Francia, un legame mai reciso col Mediterraneo, la sontuosa Cattedrale di Gerace, il fascino del Palazzo a Locri, ecco gli ingredienti magici di un matrimonio che è stato un ritorno ad una Itaca mai dimenticata.


Calabria style, le nozze rustiche si vestono di seducente tradizione

Il richiamo del ritorno soffia nello Zefiro di Calabria. Un canto di sirene attira verso le origini, in direzione di una Itaca che rimane paziente ad aspettare. Questa nostalgia, che si imprime nel cuore abitato da radici lontane, prima o poi finisce per straripare in un desiderio di recuperare i colori e gli odori familiari, toccarli, baciarli in fronte. E quale giorno migliore per farlo, se non quello delle proprie nozze.

Questo sentimento profondo, ha animato il matrimonio che ho allestito al “Palazzo” a Locri (RC). Lui francese, lei di origini calabresi, hanno deciso di attraversare le Alpi e tuffarsi nella Magna Graecia per dirsi di “sì”. Quello che sognavano era un matrimonio in cui la tradizione si respirasse ad ogni angolo e la grande bellezza del Sud avvolgesse tutti gli invitati. Il fascino seducente del Mediterraneo meritava una ricerca accurata di ogni dettaglio. Volevo che i complementi non fossero semplici oggetti ordinati secondo cromie precise, ma che raccontassero una storia fatta di arte, cultura, sapienza, racconti tramandati di bocca in bocca.

La grande storia per un grande amore

Il giorno delle nozze ha avuto un battesimo incantevole. Il Duomo di Gerace, la più grande cattedrale della Calabria, ha accolto gli sposi sotto un cielo turchese. L’opera è considerata il monumento più rappresentativo dell’architettura bizantino-romanico-normanna calabrese. Con la sua facciata possente, da fortezza, e l’interno a tre navate sorvegliato da venti colonne granitiche, è un capolavoro che il tempo ci ha consegnato per averne cura. La cripta sotterranea si dirama in due direzioni, Est-Ovest e Nord-Sud. Al suo interno si trova la Cappella della Madonna dell’Itria, in cui sono conservati tesori inestimabili. Questo luogo straordinario, dedicato a Santa Maria Assunta, è una miscellanea perfetta di stili ed età diverse che convivono insieme da secoli, arrivate fino a noi nella forma di un’opera di sontuosa bellezza.

La ricerca della tradizione

Per coprire la grandiosità della navata, lunga quasi 60 metri, ho fatto realizzare una passatoia su misura che coprisse l’intera passeggiata della sposa fino all’altare, la più grande che abbia mai progettato. L’allestimento ha richiesto uno studiomolto attento. Volevo rispettare al massimo la solennità della Cattedrale senza snaturarne l’essenza ma al tempo stesso era mia intenzione donare, con fiori e complementi, il giusto colore al rito religioso. Ecco perché la mia ricerca è partita proprio dalla storia. Ho scelto degli splendidi vasi in ceramica creati artigianalmente a Seminara, da cui traboccassero rami di ulivo e mirtillo. Le fogge richiamavano le tipicità di questo tipo di manufatti. Ecco quindi le classiche lancelle, gli orci a forma di riccio (chiamati anche porroni), le brocche a becco, le maschere apotropaiche. Ogni pezzo, creato dall’argilla del posto, è tinto con colori preparati in antiche macine, ricavati dal piombo cotto in fornace.

Un ricevimento in fiore

Per il progetto dell’allestimento in location, ho pensato non solo alle forme e alle cromie, ma anche all’elemento olfattivo che è determinante percreare l’alchimia giusta. Un matrimonio in stile calabrese vuole il colore, lo chiama, lo attira, perché crea movimento, gioia. Il Sud profuma di campi che si perdono alla vista e degli aliti aromatici delle verdeggianti colline punteggiate di ulivi. A volere immaginare questa sensazione col tatto, ci si vede afferrare in un pugno la terra umida e profumata di mattino fresco. Riuscire a realizzare queste suggestioni è stata una bellissima sfida. Per i decori mi sono affidato a dettagli antichi, come vecchie biciclette sormontate da strutture in legno illuminate da lampade spioventi, alla bellezza della natura mediterranea e ai suoi fiori, adatti a rimandare sfumature e contrasti selvaggi: echinops, rose, elicrisi, camomilla, peperoncini,daucus, peonie, craspedia, achillea e fiordalisi,note perfette di una sinfonia pastorale ricca di passione. Per la cena ho creato tavolozze sulle quali ho adagiato vasetti decorativi, sempre homemade, scegliendo le fiscelle di Serrastretta (create dagli artigiani di Fronti che ancora intrecciano i rami di salice a mano secondo antiche lavorazioni) come preziosi contenitori per fichi d’India, corni di peperoncini, cipolla viola e aglio. Per le bomboniere ho scelto ancora l’artigianalità dei preziosi manufatti di Seminara, adornati con fette di arancia unite da un filo di rafia.

Anche la torta, una nude cake, era in perfetta armonia col contesto gioioso, ricco di sentimento e legami ancestrali che non si recidono mai, neanche con la lontananza.

credits: cfweb, chetesta, Palazzo Locri

Alcuni esempi

Gallery

Copyright © 2019 Gianni Cortese Floral Designer. Tutti i diritti riservati.
Via dei Brutii, 1 - 88046 - Lamezia Terme - Catanzaro - Calabria - Italia
P.iva 00995380797 // Tel +39 0968 46 23 47
design: cfweb